enac
10/11/2005

Aeroporto Valerio Catullo e Air Italy: Nuovi servizi e voli intercontinentali

Fulvio Cavalleri, presidente dell’aeroporto Valerio Catullo, ha inaugurato questa mattina, la partnership con Air Italy la nuova compagnia aerea guidata dal comandante Giuseppe Gentile, presentando un duplice evento: il ritorno dei voli intercontinentali a Verona e l’inaugurazione del nuovo hangar per la manutenzione degli aerei. “Una giornata importante per questo aeroporto – ha sottolineato il presidente Cavalleri – che vede tra le altre cose, la grande novità del volo diretto per il Brasile, ma soprattutto l’avvio delle attività dell’hangar per le manutenzioni degli aerei. Questa è una struttura su cui l’aeroporto ha investito molto e che si rivelerà strategica per i futuri sviluppi dello scalo e del territorio”.
L’hangar, infatti, nuovo e tecnologicamente avanzato, avrà come obiettivo primario quello di offrire assistenza agli aerei di Air Italy, ma sarà a disposizione di tutti gli altri vettori italiani e del bacino mediterraneo. “La nuova struttura – ha proseguito il presidente Cavalleri – sarà in grado di garantire manutenzioni che fino ad oggi erano effettuate solo in altri paesi europei, penalizzando fortemente le nostre compagnie. In più grazie ai contatti che verranno presi con gli istituti tecnici ed aeronautici di bacino e con le facoltà di Ingegneria del Triveneto diventerà un polo d’attrazione di nuove professionalità favorendone l’inserimento e l’occupazione”.
L’hangar, costato più di 6 milioni di euro, alto 17 metri, largo 80 e profondo 60, nei suoi 5 mila metri quadrati di superficie sarà in grado di ospitare al suo interno velivoli di grandi dimensioni, dagli MD 82/90 ai Boeing 737, 757, 767, dagli Airbus 320, 321, 330 agli ATR 72 e 42.
I Boeing 757 e 767 dell’Air Italy verranno utilizzati per i nuovi collegamenti intercontinentali. La programmazione di linea raggiungerà Lahore in Pakistan, le Maldive, la Repubblica Dominicana e lo Sri Lanka. I voli charter, invece, sono previsti per Amritsar in India, Fortaleza, Recife in Brasile, l’Havana e Holgin a Cuba, Montigo Bay in Jamaica, Mombasa, Malindi, Nairobi in Kenia e Zanzibar in Tanzania.
“Verona rappresenta un bacino d’utenza d’eccellenza – ha detto illustrando il progetto di Air Italy il comandante Gentile – per questo ne abbiamo fatto la nostra seconda base dopo Milano Malpensa”. La giovane compagnia aerea continua quindi nella propria strategia di espansione proponendo mete importanti sia a livello turistico che di business e inserendosi, anche, nel mercato di nicchia dei viaggi “etnici”.
La partnership tra il Valerio Catullo e Air Italy rappresenta un importante valore aggiunto per l’intero territorio, rafforzando la posizione del nostro aeroporto che si conferma come uno dei protagonisti dello sviluppo economico e commerciale dell’intero Nord-Est.