enac
18/04/2008

L’ESTATE DEL D’ANNUNZIO TRA SARDEGNA, SVEZIA, GRECIA E ISRAELE

A marzo il traffico passeggeri sale di oltre il 20 per cento
“Il lavoro fatto al D’Annunzio di Montichiari sta dando i primi buoni risultati”. Il presidente dell’aeroporto bresciano, Pierluigi Angeli, commenta positivamente l’andamento dei voli charter e di linea in partenza dallo scalo lombardo, risultato di un’attività commerciale propositiva e di una buona risposta da parte del territorio. Nel giro di soli tre mesi – fa notare il presidente – “c’è stata una crescita di passeggeri che, nel solo mese di marzo, ha superato il 22 per cento rispetto all’anno passato”. Il merito è da attribuire all’attivazione dei voli di linea operati da ItAli Airlines, in collaborazione con Air Bee, che hanno ricevuto buona accoglienza dai viaggiatori del bacino bresciano. I collegamenti con Roma, Napoli, Crotone lavorano infatti a buon ritmo e saranno affiancati, a partire da metà maggio, dalla nuova tratta per la Sardegna, destinazione Olbia. Soddisfacente anche la performance di Ryanair che tutti i giorni della settimana collega Brescia con Londra-Stansted. Alla programmazione dei voli di linea, va aggiunta l’offerta dei charter. Ogni lunedì, a partire dal 2 giugno, da Montichiari si può raggiungere Creta; dal 7 giugno, il sabato è aperto il collegamento con l’isola greca di Skiatos, mentre la domenica (dal 9 giugno) si può volare in Sardegna all’aeroporto di Tortolì, nell’area di Arbatax. Mentre resta in vigore il volo per Tel Aviv inaugurato a gennaio, l’aeroporto di Brescia ha aperto anche un collegamento charter con il nord Europa. Dal 4 maggio sono stati organizzati charter alla volta della Svezia: si atterra a Malmoe, città collegata a Copenaghen grazie al ponte sullo stretto di Oresund che, in soli 16 chilometri, porta in Danimarca. Altri passaggi sono previsti da e per Stoccolma e a luglio la compagnia European opererà da Montichiari a Bournemouth, nel sud d’Inghilterra. “Il nostro obiettivo - afferma il presidente Fabio Bortolazzi - è quello di garantire un servizio adeguato alle crescenti necessità di business e di turismo del bacino bresciano. L’aeroporto è a disposizione dello sviluppo di questo territorio e i collegamenti recentemente attivati rappresentano una prima risposta alla richiesta di potenziamento avanzata da Brescia”. Attualmente, nello scalo di Montichiari sono in corso e in progettazione importanti interventi infrastrutturali, rivolti sia al perfezionamento dell’accoglienza dei passeggeri che all’espansione della gestione cargo che, già nei primi tre mesi del 2008, ha registrato un movimento di oltre 8.000 tonnellate con un andamento superiore a quello dello scorso anno.